[Na tazzulella ‘e cafè] Intervista a Francesca Baldacci

Buongiorno!
Oggi ho il piacere di ospitare una tappa del blog tour che ho organizzato in onore del nuovo libro di Francesca Baldacci: Ritorno da Tiffany. Ovvero, il seguito di Vacanze da Tiffany. La cosa curiosa è che intervistai già l’autrice, proprio in occasione del primo volume. Strane le coincidenze della vita, vero?
Comunque, bando alle ciance, cominciamo con la prima domanda…

Ritorno da Tiffany.png Continua a leggere

Annunci

[BLOGTOUR] Intervista a Chiara Rametta – Non giurare sulla luna

Carissimi lettori,

sui giornali e alla tv, si sente spesso parlare dei giovani e quasi mai in modo positivo. Si parla sempre dei problemi legati alla adolescenza, al loro scarso interesse mostrato nei confronti della società e di come i ragazzi di oggi siano molto meno educati e rispettosi di quelli di un tempo. Ovviamente, io, che ho solo 24 anni, non so dire se questo sia vero oppure no, proprio perché non ho avuto modo di conoscere i giovani di ieri, ma una cosa la so: si fa sempre di tutta l’erba un fascio.

Non siamo tutti così.L'immagine può contenere: testo

E credo anche che fin quando si porrà sempre troppa attenzione ai fatti incresciosi, si proietterà sempre è solo un’immagina insana della popolazione giovanissima. Non fraintendetemi, è giusto parlarne e fare in modo che questo “schifo” finisca, ma sarebbe bello se ogni tanto, nei giornali e alla tv, si parlasse anche di quei giovani invece che si impegnano nello studio, che portano avanti le loro passioni e rispettano la società in cui vivono. Per cui, sebbene il mio blog sia piccolino e forse non molto seguito, sono orgogliosa di avere l’opportunità di intervistare Chiara Rametta, una giovane di soli 18 anni, che nonostante i numerosi impegni scolastici ha scritto un libro e ha raggiunto un’importante traguardo: pubblicare con una casa editrice. Continua a leggere

[BLOGTOUR] Petali dalla Luna – Reika Kell

Buongiorno!

Sono molto emozionata nel scrivere questo post e le motivazioni sono molteplici. Innanzitutto questo è il secondo blogtour al quale partecipo dopo mesi e mesi di latitanza (ultimamente mi sono limitata a pubblicare principalmente recensioni e anteprime) e, inoltre, questa tappa prevede un’intervista all’autrice, per cui in un colpo solo riprendo in mano due rubriche del mio blog finite nel dimenticatoio: i BlogTour, per l’appunto, e ‘Na tazzulella ‘e cafè.

Oggi sarà mia ospite la bravissima Reika Kell che ci presenterà il suo romanzo Petali dalla Luna, di cui a breve farò la recensione.

NOVITÀ NEWTON COMPTONLe uscite dal 19 al 25 febbraio.jpg Continua a leggere

Blogtour – Arrenditi all’amore idi Ilaria Militello

Buongiorno,

oggi ospito una tappa del blogtour dedicato al nuovo libro di Ilaria MilitellO: Arrenditi all’amore. Nello specifico vi  posterò il primo capitolo che, secondo me, è quello determinante per capire se la storia ci può piacere oppure no.

14569561_1795152340731326_67535753_n

CAPITOLO 1

Suona il telefono. Mi alzo confuso e assonnato, mi metto a sedere sul divano e mi guardo attorno cercando di far mente locale. In un flash torna tutto. Ieri sera ho litigato con Yong, di nuovo. Da quest’estate non facciamo altro che litigare.
Quando litighiamo e lui non riesce a gestire la discussione se ne va, prende la porta e si allontana. Alcune volte torna da sua madre, come ha fatto ieri sera, ed è una cosa che odio ma tanto lui non vuole capirlo. Spesso gli corro dietro, ma ieri sera non ne avevo voglia ed ero stanco perché abbiamo finito tardi con le prove del gruppo.
Il telefono squilla incessante, mi allungo sul tavolino e lo afferro, leggo sul display il nome di Kevin e rispondo.
«Ji? Sei a casa? Dove sei? Dormivi?», domanda agitato e con il fiatone.
«Sono a casa, sì dormivo. Che succede?»¸ domando subito.
Di solito Kevin è un tipo calmo e sentirlo parlare veloce ed affannato è sinonimo di arrabbiatura o preoccupazione.
«Kibum ha avuto un incidente», mi dice, il mio cuore manca un battito.
«Quando?», domando sgranando gli occhi.
«Adesso, ma non so dove e lui dice che non si ricorda. Sto girando per la città ma non so’ che fare Ji!», mi dice sempre più agitato poi sento inchiodare e un clacson.
«Stai guidando?», domando.
«Sì e ho appena saltato uno stop»
«Sei pazzo Kevin?! Accosta e dimmi che è successo!», esclamo incredulo. Kevin non è tipo che guida distratto, lui è quello razionale, tranquillo e sempre attento a tutto.
Lui è quello serio del gruppo. Quindi saperlo alla guida, in quello stato, mi mette in allarme ancora di più. Mi alzo di scatto e senza pensarci afferro le chiavi dell’auto ed esco di casa, salgo in macchina e mi metto in strada.
«Kevin….dimmi dove sei, ti prego».
«Non lo so! Te l’ho detto sto girando e mi sono perso». Guardo perplesso il telefono.
«Ma come ti sei perso Kev??!!Vivi a Seoul da quando sei nato, possibile che non ti sai orientare? È assurdo!!» spero così di farlo tornare in sé. «Sei solo? Dov’è Jung?».
«Non è con me… aveva una cena», dice e poi sento inchiodare nuovamente e bruscamente.
«Kevin!… Come stai?», mi preoccupo subito.
«Oddio a momenti battevo dentro ad una macchina».
«Senti, fammi la cortesia fermati ed aspettami», dico bruscamente.
«Ma Kibum ha bisogno!», esclama.
«Kevin se fai un incidente e finisci in ospedale mi dici come pensi di aiutarlo? Ferma quella merda di macchina! Accosta e aspettami, dove sei?», domando di nuovo e questa volta con tono rabbioso. Lo sento sospirare.
«Vicino al Banpo Bridge », mi dice. Continua a leggere

Blogathon: I classici della letteratura – L’alchimista di Paulo Coelho

Ciaoooo!

Vi ricordate dei blogathon a cui ultimamente sto partecipando? Bene, oggi ce n’è un altro. Questa volta si parla dei classici della letteratura. Io, nello specifico, ho scelto di parlarvi de “L’alchimista” di Paulo Coelho.

blog

Anche questa volta siamo in numerosi a partecipare a questo evento.
Vi lascio, dunque, il link del post di lancio affinchè possiate avere maggiori dettagli:
Post di lancio BLOGATHON “I CLASSICI DELLA LETTERATURA”

L'alchimista di [Coelho, Paulo]TRAMA: Impara ad ascoltare il tuo cuore: è l’insegnamento che scaturisce da questa favola spirituale e magica. Alle frontiere tra il racconto da mille e una notte e l’apologo sapienziale, “L’Alchimista” è la storia di una iniziazione. Ne è protagonista Santiago, un giovane pastorello andaluso il quale, alla ricerca di un tesoro sognato, intraprende quel viaggio avventuroso, insieme reale e simbolico che, al di là dello Stretto di Gibilterra e attraverso tutto il deserto nordafricano, lo porterà fino all’Egitto delle Piramidi. E sarà proprio durante il viaggio che il giovane, grazie all’incontro con il vecchio Alchimista, salirà tutti i gradini della scala sapienziale: nella sua progressione sulla sabbia del deserto e, insieme, nella conoscenza di sé, scoprirà l’Anima del Mondo, l’Amore e il Linguaggio Universale, imparerà a parlare al sole e al vento e infine compirà la sua Leggenda Personale. Il miraggio, qui, non è più solo la mitica Pietra Filosofale dell’Alchimia, ma il raggiungimento di una concordanza totale con il mondo, grazie alla comprensione di quei “segni”, di quei segreti che solo è possibile captare riscoprendo un Linguaggio Universale fatto di coraggio, di fiducia e di saggezza che da tempo gli uomini hanno

LA MIA OPINIONE

Come ho detto poc’anzi, ho scelto di parlarvi de L’alchimista di Paulo Coelho. La mia scelta è stata dettata dal fatto che, pur essendo una divoratrice di libri, non sono propriamente un’amante del genere e libri tanto osannati come “Il ritratto di Dorian Gray” o  “Orgoglio e Pregiudizio”, non mi sono entrati nelle vene. L’alchimista, invece, mi ha conquistata. Narra una storia un po’ particolare, se così vogliamo definirla, ma sicuramente interessante e avvincente. Paulo Coelho, tramite questo racconto, è riuscito a impartire piccole lezioni di vita, ha disseminato pillole di saggezza. Ci sono molte frasi che ho sottolineato e che ho ricopiato nella mia agenda personale-. Frasi che, di tanto in tanto, mi piace andare a rileggere, ritrovando un po’ di benessere e, perchè no?, anche un po’ di ottimismo. Sì, questo libro trasmette ottimismo, voglia di fare, forza di volontà…. e lo fa anche solo tramite una frase.

Io non vivo né nel mio passato, né nel mio futuro. Possiedo soltanto il presente, ed è il presente che mi interessa. Se riuscirai a mantenerti sempre nel presente, sarai un uomo felice. La vita sarà una festa, un grande banchetto, perché è sempre e soltanto il momento che stiamo vivendo.

Quindi, se è un classico quello che vi devo consigliare, è sicuramente questo. Paulo Coelho è una garanzia.

Blogathon: Il giglio di cristallo di Alessia Garbo

14159164_1189619477745757_966460300_nBuongiorno carissimi lettori,

quest’oggi vi delizio con la segnalazione, postata tramite il blogathon in corso, di questo nuovissimo romanzo.
Ricordo, inoltre, che potete tutti partecipare al giveaway cliccando qui, per poter vincere una copia del romanzo.

il giglio di cristallo 2 HDTitolo: Il giglio di cristallo
Editore: Self
Genere: Paranormal romance
Data di pubblicazione: 15 settembre 2016
Pagine: 540
Prezzo: € 2,99 EBOOK
Trama: La neve che fiocca sul maniero dell’epoca Tudor, nel giorno in cui due anime stanno per legarsi, non è sufficiente a raffreddare il tumulto che si agita nel cuore di Angelica Giglio, circondata da amici e nemici, senza riuscire a distinguerli. E la passione che la divora può essere per lei il nemico più pericoloso.
Non c’è mai fine ai segreti, che rischiano di essere ancora più fatali, e questa volta non solo per Angelica.
Che cosa succede a chi custodisce una verità inconfessabile?
Si può sacrificare se stessi, ma non la vita di chi si ama. Abbandonare tutto e fuggire può essere la soluzione? Anche se ti Continua a leggere

Recensione: Photographs. Peschici. di Erika Derme

Benvenuti alla quinta delle sei tappe del Book Blog Tour di Segni Grafici di Poesia http://segnigrafici.blog.tiscali.it, attraverso il quale potrete scoprire tutti i dettagli più interessanti della nuova raccolta di poesie di Erika Derme dal titolo “Photographs. Peschici”. Vi ricordiamo che questo Boo Blog Tour è collegato al Giveaway che si chiuderà il 3 luglio 2016: in occasione dell’ultima tappa, infatti, verrà proclamato il fortunato vincitore di una copia di questa raccolta di poesie (verrà scelto tramite il sito https://www.random.org/).

Siamo ormai giunti alla penultima tappa ed è giunto il momento della recensione.

Visualizzazione di Copertina Photographs.Peschici.jpgVisualizzazione di Copertina Photographs.Peschici.jpgCopertina Photographs.Peschici

TRAMA

La scrittrice è tornata sui suoi passi lungo le spiagge e i luoghi caratteristici di Peschici, la perla de Gargano. In questa pubblicazione, infatti, che fa seguito a “Sabbia fine, Peschici” pubblicata lo scorso luglio 2009, prevale il tema del ritorno in un paese fotografato in versi poetici dall’autrice, affezionata turista.

LA MIA OPINIONE Continua a leggere

Blogathon: I migliori film tratti dai libri (Saga Harry Potter)

Buongiorno carissimi lettori,

avete mai letto qualche tappa di un blogathon? Questo è il primo al quale partecipo, sono degli eventi in cui più blog si uniscono per parlare di un dato argomento. In questo caso il tema affrontato è quello dei migliori film tratti dai libri. Io personalmente ho deciso di parlare della saga di Harry Potter e mettere quindi a confronto i libri della Rowling con la loro rispettiva riproduzione cinematografica Comincio, però, con il lasciarvi il link che rimanda al post di lancio sul blog Liberi di scrivere.

Harry+potter-Harry_Potter_HP4_01

Sono una ragazza di ventidue anni e mezzo per cui sono cresciuta leggendo i libri della Rowling e andando al cinema per vedere i film tratti dai suoi libri. Harry Potter fa parte della mia infanzia/adolescenza.
Tutti quanti noi siamo rimasti a volte delusi nel notare che alcune scene del romanzo erano state tagliate, ma di fatto, con il senno di poi, dobbiamo ammettere che ci è andata piuttosto bene. I film di questa saga non hanno stravolto nulla e sono rimasti piuttosto fedeli alla trama del libro. E’ vero, qualcosa è stato tolto, ma sarebbe impossibile riprodurre l’intero libro. Inoltre ho particolarmente apprezzato la scelta di dividere l’ultimo volume della saga in due parti. In questo modo hanno potuto concludere in bellezza senza rischiare di lasciarsi sfuggire qualcosa di importante. Del resto il romanzo era lungo e carico di avvenimenti, quindi, a mio avviso, è stata una scelta saggia.
Credo che ci siano ben pochi altri libri (di cui è stata fatta una riproduzione al cinema o alla TV) di cui si possa dire lo stesso, solitamente molte scene saliente vengono tagliate e le battute cambiate. Qui, invece, noi lettori, abbiamo potuto ripetere a memoria le battute restando comodamente seduti tra le poltrone rosse del cinema.
La pensate come me?